Psicomotricità

La psicomotricità è un’attività che va ad integrare l’esperienza educativa e rappresenta per i bambini un’occasione per parlare di sé, della propria interiorità attraverso il corpo e il movimento che sono le vie privilegiate di espressione.

La psicomotricità è un’attività di aiuto alla crescita che agisce sulla globalità del bambino considerando le diverse aree di sviluppo: motoria, cognitiva, relazionale ed emotiva.

Attraverso il gioco spontaneo  e il movimento si accompagnano i bambini a vivere e ad esprimere il loro  mondo interiore, a prendere contatto con le loro emozioni e a capire chi sono. Il corpo diventa quindi l’elemento centrale, un corpo da sperimentare e da vivere.

È un’attività che utilizza come strumento principale il gioco, serve a favorire uno sviluppo psicomotorio armonico, migliorare la fiducia in sé stessi, l’autostima e il riconoscimento delle proprio emozioni  , aiuta a prevenire i disagi negli apprendimenti .

Lo psicomotricista diventa, all’interno del percorso,  un compagno di viaggio che interpreta, sostiene e avvalla i percorsi dei bambini.

E’ in questo clima di totale accettazione, di assenza di giudizio e di massima comprensione che i bambini si raccontano, si aprono e acquisiscono fiducia in loro stessi, rispettando le loro unicità e quelle altrui .

Così facendo si favorisce il passaggio dall’agire al pensare e si pongono le basi per apprendere, creare, comunicare e stare con gli altri.

La psicomotricità è un ‘attività che sostiene la crescita e quindi tutti i bambini possono e dovrebbero fare psicomotricità ,anche per i genitori è un’occasione per conoscere meglio e riflettere sul proprio bambino e anche per trovare insieme delle strategie per sostenerlo ed aiutarlo nella crescita.

I percorsi psicomotori sono particolarmente indicati per chi presenta difficoltà o assenza di linguaggio, con problemi di coordinazione, di organizzazione grafica, di manualità fine, o che necessitano di lavorare sull’autoregolazione delle emozioni e su comportamenti problematici

 

Proposta psicomotoria:

  • Percorsi condotti con piccoli gruppi
  • Percorsi individuali
  • Percorsi mamma e bambino/a o babbo e bambino/a
  • Percorsi di famiglia
  • Percorsi con gruppi di adulti per approfondire la conoscenza del proprio corpo attraverso la pratica psicomotoria
  • Percorsi per gruppi di lavoro come maestre, educatori…